Oswald Wirth I Tarocchi

Il libro di Oswald Wirth I Tarocchi è ancora oggi, secondo me, il testo fondamentale da leggere e studiare, per ogni appassionato di Tarocchi, della loro storia e del loro potenziale. Oswald Wirth I Tarocchi li ha studiati, collegati, disegnati, intepretati e ci ha regalato un’opera completa, profonda e semplice allo stesso tempo. Almeno io la vissi così, tanti anni fa quando la lessi per la prima volta e ne rimasi estasiata e affascinata. Estasi e fascino che permangono nonostante i tanti anni passati e le tante volte che ho letto il libro.

Oswald Wirth, esoterista positivista, studioso sapiente e umile, affiliato alle principali società segrete del suo tempo, vissuto a cavallo tra ‘800 e ‘900 ci lascia, col suo libro, anche la testimonianza di un periodo, di una corrente esoterica e filosofica che tanto ha fatto per illuminare la via. Quella stessa via che dalla notte dei tempi gli ermetisti tramandano, la strada per l’elevazione dell’animo umano.

Nel suo libro Oswald Wirth ci svela I Tarocchi sotto tanti punti di vista. Li collega ad altre discipline e spiega come la divinazione non sia affatto da condannare, bensì da utilizzare come mezzo per lo sviluppo di una facoltà umana importantissima: l’immaginazione.

Ma non posso in poche righe dire tutto il bene, il bello e il buono che vorrei di questo libro. Se ami I Tarocchi, lo devi leggere.

Ciao

 

5 libri immancabili per gli appassionati

di tarocchi

Chi ama il favoloso mondo degli Arcani, generalmente non si stanca mai  di leggere, studiare trovare notizie e curiosità, capire come altri  interpretano gli adorati simboli. Almeno per me è così, appena posso mi compro libri o vado in biblioteca ad approfondire, conoscere, indagare. In tanti anni mi sono particolarmente affezionata ad una serie di opere, 5 libri immanacabili per gli appassionati di tarocchi, almeno secondo me. Libri che leggo e rileggo, consulto al bisogno. A volte sono d’accordo con gli autori, a volte no, ma il valore delle opere, l’amore di chi li ha scritti, la tangibile serietà di questi studiosi e studiose, mi affascina sempre e sempre mi aiuta, in un modo o nell’altro. Nel video una breve presentazione di quelli che sono, secondo me, i 5 libri immancabili per gli appassionati di tarocchi. 

Fammi sapere che ne pensi e se ti va, consigliami i tuoi libri preferiti, dicendomi anche il perchè ti hanno colpito. Grazie, ciao

 

 Seminario sugli Arcani Maggiori

Torna a Bologna il Seminario sugli Arcani Maggiori dei Tarocchi di Marsiglia. Due giorni per sentire, capire, conoscere, leggere i Tarocchi. Un incontro approfondito che svelerà alcune segreti dei magici arcani. Scopriremo insieme il potere evocativo di questa immagini multicolori che hanno attraversato quasi indenni circa 6 secoli. Il Seminario sugli Arcani Maggiori ci metterà in un profondo contatto con noi stesse/i in maniera nuova, leggera, divertente. Domenica sera saprai già fare una vera lettura di carte e avrai una visione diversa del Favoloso Mondo dei Tarocchi e delle possibilità della Vita.

Condurrò personalmente il seminario. Opero coi i tarocchi da 35 anni con immutata passione e infinito amore.

Prenota subito, i posti sono limitati.

chiama il 3494953064

o

scrivi a associazionelevie@gmail.com

a presto

Maria Cristina Mambrini

15-xv-diable                        diablodiab

 Il Diavolo nei Tarocchi

Il Diavolo nei Tarocchi non è il signore dell’Inferno, quel quartiere dell’aldilà in cui vengono spediti i cattivi a bruciare eternamente per colpe che non si possono espiare. Anche se per certuni mi piacerebbe proprio che così fosse, ma questo è un altro discorso. Il Diavolo dei tarocchi, tra gli altri suoi significati, può rappresentare i nostri attaccamenti. E in questo periodo, con il “giorno dei morti” passato da poco,  mi riferisco all’attaccamento che a volte abbiamo proprio nei confronti di chi non c’è più, nei confronti di una persona che è morta ed ha lasciato questo piano d’esistenza. Giusto ricordarli, giusto onorarli, ma non viver più, non riuscire ad elaborare e andare avanti, be’ quello è l’inferno. Per chi resta e anche per chi se n’è andato. Secondo molte culture infatti, chi resta ha il potere, col suo pensiero e col suo “attaccamento” di non permettere al defunto di andare, di fare il suo percorso sull’altro piano. Per quanto difficile, specie per chi ha perso dei figli (è un lutto “innaturale” e quindi molto doloroso e difficile da elaborare) nei giorni della commemorazione, ringraziamo del tempo passato insieme, onoriamo sia la morte che la vita e chiediamo di andare ognuno sulla propria strada. Tanto, prima o poi, ci si incontrerà di nuovo. Tutti più liberi.

Amen

livro

PREVISIONI D’ESTATE

Anche se non sembra, siamo a ridosso dell’Estate, il Solstizio ci sarà tra il 20 e il 21 giugno, il Sole entrerà in Cancro ed ufficialmente inizierà “la bella stagione” anche se meterologicamente il dubbio rimane. Ma sotto il sole o con la pioggia i giorni ed i mesi scorreranno comunque, vediamo cosa potrebbe capitare con le PREVISIONI D’ESTATE.

ariete bambino Ariete

Una sottile (altro…)

lanterna

Eremita e Solstizio d’Inverno

Questo splendido particolare di mosaico riporta uno degli elementi più significativi dell’Arcano n° VIIII, l’Eremita: la sua lanterna. E in questi giorni,

(altro…)

Re di Bastoni

Re di Bastoni

Forse non tutti sanno che…le carte da briscola altro non sono che gli Arcani Minori, dei Tarocchi di Marsiglia. Sì, davvero. E anche la carte francesi, le così dette carte da poker, sono gli Arcani Minori dei Tarocchi di Marsiglia. E forse non tutti sanno che nella tradizione popolare italiana, quella proprio povera, più popolana che popolare diciamo, le carte da briscola venivano usate, e tutt’ora sono in uso, per la divinazione da donne che (altro…)

UlysseRDF

Ulisse

 

ULISSE E LA RUOTA DELLA FORTUNA

In vacanza a Mentone, Francia, ai primi di ottobre, sono stata affascinata dalla splendida cittadina. Passeggiando sul bel lungomare, proprio di fronte al museo Jean Cocteau, eccomi apparire Ulisse e La ruota della Fortuna. Be’, per la  verità che fosse Ulisse l’ho capito solo perchè è scritto sul basamento dell’opera, ma la Ruota della Fortuna l’ho riconosciuta subito! Un uomo aggrappato mani e (altro…)

certosa22 Novembre

Giorno dei Morti

Il 2 Novembre, ogni anno, è la giornata di commemorazione dei defunti, comunemente noto come GIORNO DEI MORTI. Al giorno d’oggi la Morte è qualcosa di “lontano”, da tenere nascosto, salvo ovviamente dover affrontare, e succede a tutti prima o poi, un lutto. A quel punto, per quanto la si voglia tenere lontana, nascondere, ignorare, la Morte irrompe nella Vita. Ma non è di questo che voglio parlare in questo giorno. Non del dolore, non della Morte che porta via qualcuno di caro, voglio ricordare in questo giorno che quando l’inevitabile appuntamento arriverà, sarà decisamente più dolce e piacevole, se la Signora Morte ci troverà VIVI. Per questo dedico a tutti, di qua e di là questa poesia della scrittrice brasiliana Martha Medeiros, anche se molto spesso, per qualche errore nato non si sa dove, è attribuita a Pablo Neruda.

LENTAMENTE MUORE

“Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine,

ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,

chi non cambia la marca o colore dei vestiti,

chi non rischia,

chi non parla a chi non conosce.

Lentamente muore chi evita una passione,

chi vuole solo nero su bianco e i puntini sulle i

piuttosto che un insieme di emozioni;

emozioni che fanno brillare gli occhi,

quelle che fanno di uno sbaglio un sorriso,

quelle che fanno battere il cuore

davanti agli errori ed ai sentimenti!

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,

chi è infelice sul lavoro,

chi non rischia la certezza per l’incertezza,

chi rinuncia ad inseguire un sogno,

chi non si permette almeno una volta di fuggire ai consigli sensati.

Lentamente muore chi non viaggia,

chi non legge,

chi non ascolta musica,

chi non trova grazia e pace in sè stesso.

Lentamente muore chi distrugge l’amor proprio,

chi non si lascia aiutare,

chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna.

Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,

chi non fa domande sugli argomenti che non conosce,

chi non risponde quando gli si chiede qualcosa che conosce.

Evitiamo la morte a piccole dosi,

ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di

gran lunga

maggiore

del semplice fatto di respirare!

Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento di

una splendida

felicità.”

 

Presentazione standard1Previsioni d’Autunno

L’eterno ricominciare.

Settembre. Direi che questo, al giorno d’oggi, è realmente il mese in cui finisce l’anno vecchio e ricomincia quello nuovo. Almeno è un mese a cui si rimandano tutti i “Quando rientro dalle ferie penserò/farò questo, quello…”. Nello stesso tempo si sa che qualcosa ormai è andato, finito. E’ un mese così dolce, come la stagione che porta.

Alla fine di ogni segno delle Previsioni d’Autunno, ho inserito un aforisma, secondo me divertente e adatto al segno in questione, del grande Oscar Wilde, mente sublime, ironia insuperabile.

Buona lettura e buon Autunno.

ariete bambino Ariete.

(altro…)